Dario Tamburrano

E’ nato nell’agosto del 1969. Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1996 presso l’Università La Sapienza di Roma, esercita la libera professione come consulente specialistico odontoiatrico ma fin dall’inizio della professione, piuttosto che dedicarsi esclusivamente all’incremento del reddito annuo, preferisce dare priorità assoluta al rapporto umano con i pazienti, all’impegno civile e culturale, senza diventare solo una ruota dentro un ingranaggio.
Nel tempo liberato quindi coltiva l’orto, lo zafferano, legge e si occupa di politica, attività associativa e culturale, traduzione e divulgazione in rete di saggistica e report relativi a ambiente, energia, clima e nuove economie. E’ cofondatore del Circolo delle Decrescita Felice di Roma e di Transition Italia (nodo italiano del Transition Network). Dal 2009 a oggi è socio di ASPO Italia (sezione nazionale della Association for the Study of Peak Oil and Gas), di Arcipelago SCEC e di ISDE (International Society Doctors for Enviroment). Da luglio 2010: partecipazione al progetto di libera connettività che si è concretizzato nella Rete Mesh cittadina di NoiNet.eu.Ha contribuito a numerose traduzioni gratuite e collaborative in rete di testi e video, fra i quali “Piano B 3.0-Mobilitarsi per salvare la civiltà” di Lester Brown, Edizioni Ambiente (primo caso in Italia di pubblicazione integrale e di un testo sul web e distribuzione contemporanea in libreria); “Moltitudine Inarrestabile.
Come è nato il più grande movimento al mondo e perché nessuno se ne è accorto” di Paul Hawken; “La transizione agroalimentare. Verso un modello indipendente dai combustibili fossili” del Post Carbon Institute; “Una fattoria per il futuro” documentario della BBC di Rebecca Hosking; “Post Carbon Cities. Come affrontare l’incertezza energetica e climatica. Una guida al Picco del petrolio e al riscaldamento globale per gli amministratori locali” di Daniel Lerch del Post Carbon Institute; “Crash Course” video-corso di Chris Martenson su Economia, Energia & Ecosistemi; “TEQs: politiche di decrescita emissiva ed energetica per l’epoca del Picco del petrolio e dei Cambiamenti climatici” della House of Commons (parlamento) inglese; “Permacultura per tutti” di Patrick Whitefield, Edizione Terra Nuova; “2052. Scenari globali per i prossimi 40 anni” di Jorgen Randers, Edizioni Ambiente; e di molti altri ancora… 
Dal 2009 al 2012 ha scritto articoli per il giornale online Il cambiamento.it. Dal 2007 cura il sito www.indipendenzaenergetica.it, coordinandone il gruppo di traduzione e la divulgazione e ove sono presenti in libera consultazione i testi sopra citati, la maggior parte dei quali in forma integrale. Ha partecipato a numerose conferenze, eventi pubblici e seminari su temi politici, sociali, energetici (peak oil, resilienza, autoproduzione, decrescita e modelli di sviluppo sostenibili). 
Si occupa di politica all’interno del Movimento 5 Stelle da fine 2005 (Meetup Roma) ove ha avuto il ruolo di assistant organizer, organizzatore eventi e di responsabile gruppo ambiente e gruppo di traduzione. Ha realizzato e condotto orti sinergici e orti urbani comunitari a terra e pensili, messo in opera di impianti di irrigazione a risparmio idrico e sviluppato tecniche sperimentali della coltivazione dello zafferano biologico secondo i principi della Permacultura. Ha conseguito l’attestato Internazionale del Modulo iniziale di Progettazione in Permacultura rilasciato dall’Accademia Italiana di Permacultura. 
E’ stato eletto al Parlamento Europeo nelle elezioni del 25 maggio del 2014 ed è attualmente  membro titolare della Commissione Industria, ricerca e energia (ITRE) e della Delegazione per la Russia (D-RU), membro supplente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale (AGRI), della Delegazione per l’Ucraina (D-UA) e della Delegazione all’Assemblea parlamentare Euronest (DEPA).
Dal 12 febbraio 2015 è vicepresidente dell’Interguppo del Parlamento Europeo “Common Goods and Public Services”.
 E’ stato il principale promotore dell’evento “ECO&EQUO: l’Almanacco dell’EcoFuturo” tenutosi il 1 marzo 2017 al Parlamento Europeo di Bruxelles.